Blocco sci, attacca il ministro della Lega Nord Jaravaglia Speranza: “È ridicolo che decida da solo”. Ma la stazione è condivisa con Draghi e il governo

“Qui c’erano danni È stato causato dalla scelta del governo. Il danno deve essere risarcito.mancanza di rispetto Lavoratori della montagna. ”Ministro del Turismo, Associazione Nord Massimo GaravagliaCosì attacca il collega Roberto SperanzaCarica al Ministro della Salute responsabilità Per decidere l’estensione in su 5 marzo Dipendente Fermare Delle piante ImmaginazioneGiunta domenica sera alla vigilia della riapertura: “La normativa vigente prevede, Assurdo, Che il ministro competente possa prendere decisioni IndipendentementeSecondo Jaravaglia, tuttavia, l’ordine che ha esteso il divieto di aprire ascensori in montagna, Sì, è stato firmato prima Amal ma Reciproco Dal governo e dal primo ministro Mario Draghi , Come ha confermato questa mattina Palazzo Chigi.

Garavalia, intervenuto in conferenza stampa con il capo distretto, Attilio FontanaSi trascura che il ministro della Salute non abbia preso la sua decisione da solo, perché, come ha confermato il presidente del Consiglio, c’è stato prima un esame con il presidente del Consiglio. Mario DraghiQuello era d’accordo con la sua proposta Comitato tecnico scientifico Sulla base del rapporto su Variante inglese DellIstituto Superiore di Sanità. Ministro della Lega Lui non è l’unico In maggioranza all’attacco Speranza: “Spero che quello che è successo ieri purtroppo non accada alle piste da sci. semplicità La richiesta del nuovo premier Draghi impone anche una decisione diversa Metodo di risoluzione H Comunicazione A tutto il governo, ministro della Sanità compreso “, scrive in una nota il capogruppo Pd A Palazzo Madama, Andrea Marcocchi.

Gli attacchi a Hope arrivano da Lega e Pd e non sono persi Italia FIFA“Ora cambia stile”, scrive il deputato su Twitter Marco de Mayo. Il presidente Draghi ha giustamente chiesto il minimo di parlare Fare di più. Questo è ciò che dovrebbe fare la politica a questo punto. Tempi di chiusura delle stazioni sciistiche Non era appropriatoLo ha annunciato anche il senatore Renziana Laura GarafiniParlando al Tg2. Tutti sono contro il ministro e in difesa di Draghi, ma criticano una decisione Preso dal governo Dal governo di appartenenza, con l’approvazione dello stesso presidente Draghi.

READ  C'è Mail, Can Yaman invade il pubblico e Mariah: Background on Her Past

La prima polemica interna è nata con lo sci Nuova maggioranzaE il Appena due giorni Dall’armadietto in cui lo stesso Draghi ha chiesto. Massima collaborazione Per “United Forward”, perché “io sono”. Bisogno L’Italia viene prima degli interessi di partito “. Nel frattempo, dopo le critiche di dirigenti di fabbrica e conservatori, il ministro Esperanza ha risposto:”Non discutere mai In questi mesi. E non lo faccio adesso. Sto solo dicendo di difendere Il diritto alla salute Venire In primo luogo“.

La controversia ha la precedenza sui commenti su Hope. Leader della lega, Matteo SalviniCon la certezza che hanno i ministri fiducia Del Caruccio, ha chiesto.Cambia alcuni tecnici. La comunità scientifica è piena di persone intelligenti “. L’attacco è anche sulla linea del consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi, Chi è stato tra i primi a chiedere Procedure più rigorose Per far fronte alla diffusione delle varianti Covid. Un altro giocatore in campionato, il presidente Friuli Massimiliano FedrigaInvece, criticano Comitato tecnico scientifico: “La scorsa settimana è stato deciso di estendere il divieto di viaggio tra Regioni Fino al 5 marzo: chissà perché in quell’occasione CTS non ha accennato alla chiusura degli impianti sciistici se ho riconosciuto bisogno diDomenica, nel presentare il proprio parere a Speranza, CTS ha comunque chiarito che non ci sono le condizioni per riaprire la porta alla luce del “cambiamento” Condizioni epidemiologiche“.

Written By
More from Arzu

Mancano due punti per vincere la Coppa Prada-Corriere.it

I britannici sono ancora vivi, ma Luna Rossa è a due punti...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *