Conte: “Le vacanze richiedono misure particolari, quindi non ci sono vacanze sulla neve. Scuole? Puntiamo a tornare prima di Natale”. È aperto per i viaggi

Misure personalizzate per periodo natalizio E fermati a “Vacanze casuali sulla neveMa è stata anche la prima inaugurazione sui movimenti tra le regioni e la divulgazione della volontà di “riaprire prima le scuole”. compleanno“. Primo ministro Giuseppe Conte, Un’intervista in Otto e mezza Sulla La7 da Lily GruberParla dello sviluppo dell’epidemia e di quali misure saranno alleviate nelle prossime settimane e quali no. “Stiamo lavorando per spostarci tra le regioni a Natale, ma se continuiamo a farlo, alla fine del mese, non avremo zone rosse”, ha detto il premier. “Si spera che l’RT, che misura la velocità del colpo, venerdì si avvicini all’1. Ciò significa che siamo riusciti a congelare l ‘”ondata di virus”. Ma le energie del governo non sono concentrate solo sul fronte sanitario. Il primo ministro ha effettivamente parlato dei tempi per Fondo di recupero Dopo un richiamo agli ostacoli sul fronte europeo dovuti a Il veto di Polonia e UngheriaHa anche confermato che l’ItaliaNon era affatto tardiTant’è che la prima data possibile per la presentazione del piano nazionale è già il prossimo febbraio.

“Non possiamo sopportare un’altra metà agosto.” Per quanto riguarda le misure restrittive, nonostante l’ottimismo sull’andamento della curva, il presidente del Consiglio ha bocciato chi oggi ha chiesto solo di valutare l’inizio della stagione sciistica. Un’ipotesi che Conte respinge senza esitazione. “Il periodo natalizio richiede misure specialiAltrimenti c’è il rischio che si ripresenti a Ferragosto e non possiamo permettercelo: non è possibile consentire tutti i consueti eventi mondani per il periodo natalizio. Non possiamo permetterci di trascorrere vacanze casuali sulla neve. Anche per gli impianti di risalita il problema del protocollo è una cosa, ma tutto ciò che riguarda le vacanze sul ghiaccio è incontrollabile. E con Merkel e Macron Europa Stiamo lavorando a un protocollo europeo comune. Le vacanze sulla neve non si possono permettere, non possiamo permettercele ”. Detto questo, Conte ha anche precisato:“ Un Paese libero e democratico non può entrare nelle case e limitare il numero di persone sedute a tavola. Vogliamo limitare il contatto sociale ma permettere l’imitazione dei doni che ci stanno più a cuore. In questo senso, è inutile limitare l’orario di lavoro dei negozi “.

READ  Covid Tuscany, 986 nuovi pazienti. Scuola, altre classi in quarantena / diretta

Ora si attende il prossimo decreto del presidente del Consiglio che prenderà il potere In scadenza il 3 dicembre. E Dpcm sarebbe più introduttivo – sul coprifuoco, ad esempio – senza compromettere la divisione in colori in base al rischio zonale. Il premier ha voluto anche, sempre in “otto e mezzo”, delineare la strategia del governo per combattere il COVID. Un piano che avrà un fulcro nel piano vaccinale. “Non esiste una direttiva per aderire al vaccino, ma noi lo consigliamo”, ha detto Conte, che sembra prendere le distanze a questo punto dalla posizione dell’ala “più dura” dell’esecutivo. “Il vaccino sarà disponibile prima per i gruppi vulnerabili e vulnerabili. Penso che sarà la fine di gennaio “.

“Fondo per la ripresa, Piano nazionale a febbraio. Italia? Non siamo per niente in ritardo”. – Per quanto riguarda il tempismo Fondo di recuperoIl premier ha sottolineato che l’Italia “non è affatto in ritardo”. Ha indicato i prossimi passi che dovremo affrontare: “Per quanto riguarda il fondo di recupero, dobbiamo aspettare Consiglio europeo di dicembre Sarà cruciale. Al momento c’è davvero un problema, perché abbiamo superato molti problemi e siamo sulla strada giusta, ma è stato sollevato Veto politico da parte di Polonia e UngheriaNonostante ciò, il Presidente del Consiglio ha escluso che i Paesi economici possano ancora bloccare l’accordo: “C’è un impegno politico per tutti i Paesi, che è stato preso lo scorso luglio, e non può essere messo in discussione. Una risposta è nell’interesse di tutti, non solo dell’Italia, che è quella che ne beneficia di più. Perché tutti sono vivi Una seconda ondata devastanteI tempi Piano di recuperoConte ha aggiunto: “Anche in base al programma, ci teniamo a farlo subito, e potremo presentare il piano nazionale italiano già a febbraio. Ci sarà un ritardo rispetto ai primi tempi, ma non molto“Ma siamo in ritardo?” Non abbiamo ancora firmato l’accordo per il fondo di recupero, c’è il veto. Non è possibile presentare il piano a dicembre. C’è una conversazione settimanale con la Commissione Europea e Non siamo assolutamente in ritardo. Se tutto va bene, potremo presentarlo all’inizio di febbraio “.

READ  Crotone - Napoli 0-4: in gol Insigne, Lozano, Demet, Petagna

Quindi riavvia Gestione dedicata sul piano: “Dobbiamo creare una struttura operativa personalizzata con Profilo amministrativo Che garantisce il monitoraggio del progetto e la verifica dell’implementazione. Sarà una struttura comune a Palazzo Chigi, ma in coordinamento con altri ministeri. Inoltre, condivideremo i piani con tutto il Paese, e lo faremo in Parlamento, e ora ci sarà un aggiornamento dei progetti. ”Quindi l’obiettivo del governo è indirizzare le energie al piano di ripresa. Tanto che quando ti viene chiesto se intendi ricorrere ad esso. Il mio, Rispondere: “Abbiamo già molte risorseAbbiamo fondi strutturali, legge di bilancio, recupero. È necessario cambiare il passaggio nella capacità amministrativa per implementare i progetti in determinati momenti “.

Quindi Conte ha parlato anche della premessa di collaborare con Andiamo, Italia E l’opposizione su richiesta del presidente della Repubblica, che ha scosso il cuore della maggioranza la scorsa settimana. “Devo ammetterlo Andiamo, Italia Preparati a un dialogo costruttivo e responsabile. Il primo ministro ha chiarito che non voleva espandere la base del governo, ma piuttosto rimanere all’opposizione. A questo proposito, Lilly Gruber ha richiamato la posizione dell’ex MP M5s Alessandro de Batista Quello che ha paragonato Fi al compost: “Non è la mia lingua”, ha abbreviato il primo spettacolo.

“M5s? Non ho l’ambizione di diventare un leader politico” Infine, il Presidente del Consiglio ha parlato anche del suo rapporto con il Movimento Cinque Stelle, che entro fine anno passerà alla leadership collettiva e oggi è stato pubblicato solo il documento finale del movimento. Stati pubblici. “Non ho l’ambizione di essere il leader politico dei 5 stelle”, ha detto. “Rispetto le loro dinamiche interiori, Li seguo con interesse e affetto, ma non ho questa ambizione. Leggiamo la gara con Di Maio sui giornali e ci scambiamo messaggi sarcastici su di lui “.

READ  Barcellona, ​​"terremoto" aziendale: Bartomeu si dimetterà oggi!

Written By
More from Arzu

Boschi-Gruber, scintille in tv alle otto e mezza. E Julio Perotti: “Cara Lily …”

ROMA, 9 dicembre 2020 – Effetti ancora controversi Una lite tra Lily...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *