Coronavirus, viaggi limitati in Europa nelle regioni “rosso scuro”. Ma i confini restano aperti – Corriere.it

Le varianti del Covid-19 sono “di grande preoccupazione” per l’Unione Europea, Afferma il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, spiegando che è necessaria una nuova mappatura e che le regioni saranno attese “Rosso scuro” Per le regioni in cui la situazione epidemica è peggiore e in cui saranno richiesti quarantena e test, ma decideranno i paesi. Mentre il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, al termine di una videoconferenza tra i leader dell’Unione europea, che ha chiesto la promozione di un approccio coordinato a Covid, punta a un accordo: l’apertura delle frontiere interne “nell’interesse del mercato unico”. “Restrizioni di viaggio inutili”; La necessità, più volte sottolineata dalla commissione, di garantire la sequenza genetica dei test positivi in ​​Covid, di monitorare le varianti.

Tuttavia, è troppo presto per raggiungere un accordo Certificato di vaccinazione Come documento di viaggio proposto dalla Grecia e approvato da Spagna e Malta. Molte persone rimangono sospettose, guidate da Francia, Germania e Paesi Bassi. Ma i leader dell’Unione europea preferiscono un documento per scopi medici. L’assistenza sanitaria è una competenza nazionale esclusiva, motivo per cui il coordinamento tra i governi dell’Unione europea non è facile.

Ieri, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha innalzato il livello di allerta nel suo ultimo rapporto, in cui “valuta il potenziale di introduzione e diffusione nell’Unione Europea e nello Spazio economico europeo (SEE) varianti di Sars-CoV-2 di preoccupazione”. Per questo motivo, raccomanda di evitare viaggi non necessari. Invita gli stati a “prepararsi per un rapido aumento di misure di risposta rigorose nelle prossime settimane per proteggere le capacità sanitarie e accelerare le campagne di vaccinazione”. Nel frattempo, dopo un dibattito iniziato a dicembre, i paesi dell’Unione europea hanno finalmente accettato all’unanimità una raccomandazione – non vincolante – con il forte sostegno di Berlino. , Che stabilisce un quadro comune per il riconoscimento reciproco dei risultati dei test Covid in tutta l’Unione europea e l’uso di test antigeni rapidi. L’obiettivo è continuare a consentire i viaggi transfrontalieri per consentire il funzionamento del mercato unico.

READ  Obama shock a Philadelphia in coda al voto - Corriere.it

Al termine della videoconferenza, von der Leyen ha ribadito che l’Unione Europea è una “zona epidemica unica” e quindi servono “misure mirate” perché la chiusura delle frontiere “metterà in serio pericolo la nostra economia senza fermare il virus”. La cancelliera tedesca Angela Merkel è venuta in mattinata a riflettere sull’ipotesi di controlli alle frontiere, ma solo come “ultima risorsa”, nel caso di paesi vicini che non adottano misure adeguate per contenere il virus e aperti a “accordi di produzione” e anche sull’uso del “vaccino Sputnik V russo” se approvato. Su di esso dell’EMA ”(l’Ungheria ha già dato il via libera), i leader dell’Unione Europea concordano sulla necessità Accelera le vaccinazioni Sostengono la proposta della Commissione di coprire il 70% della popolazione entro l’estate, ma le aziende devono rispettare le date di consegna conformemente ai loro impegni. Il presidente Michel ha osservato che “i vaccini dovrebbero essere distribuiti simultaneamente e proporzionalmente sulla base della popolazione”.

22 gennaio 2021 (modifica il 22 gennaio 2021 | 07:49)

© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

“Così abbiamo ucciso Daphne Caruana Galizia”: ammette uno dei tre sospettati dell’omicidio del giornalista

L’hanno uccisa con un codice inviato tramite sms: “Rel1 = EseguiIn questo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *