È stato colpito da un crepitio allo stomaco. Tre feriti gravi a Caserta

Butti A partire dal Il nuovo anno, anno Domini Fino a UN Bambino Il 13enne è morto poco dopo la mezzanotte per le ferite allo stomaco causate da A. Petardo. È successo a Accampamento beduino Via Guerra, dove vive il bambino. È stato subito soccorso, portato in ospedale, ed è arrivato al pronto soccorso già in arresto cardiaco e non c’è stato niente da fare per lui. Immediatamente sono intervenuti i gendarmi.

I parenti del bambino distruggono l’ospedale di Asti

Gli edifici all’interno del pronto soccorso di Asti e nel parcheggio sono stati danneggiati poiché i familiari del ragazzo di tredici anni sono rimasti gravemente feriti ieri sera, durante i festeggiamenti del capodanno in un campo beduino, e in seguito hanno perso la vita. I parenti avrebbero voluto vedere il ragazzo, tuttavia, la sua autopsia sarà organizzata. Per il momento, si presumeva che le ferite fossero state causate da un’esplosione di petardi, ma uno sparo non è stato completamente escluso.

Toll: un morto, 79 feriti e 23 ricoverati in ospedale

79 morti e feriti, 23 dei quali in ospedale, il bilancio del nuovo anno 2021, secondo i dati del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. I numeri hanno registrato una diminuzione, definita “lieve” rispetto all’anno 2020. Lo scorso anno il numero dei morti ha raggiunto una persona e 204 feriti, di cui 38 ricoverati in ospedale.

Caserta, 5 feriti: tre critici

Cinque sono rimasti feriti, tre dei quali gravemente, a causa dei fuochi d’artificio della notte Caserta. In molti comuni c’era il divieto di sparare, ma nessuno lo ha rispettato. La situazione più preoccupante si è verificata a CasertaTre persone sono rimaste ferite in un complesso residenziale denominato “Parco Primavera” in località Toro; Secondo quanto confermato dai gendarmi, i tre giovani sono rimasti feriti, verso mezzanotte e mezza, quando le esplosioni dei barili sembravano diminuire, molti fuochi d’artificio si sono accatastati per ottenere una grande e rumorosa esplosione, sono stati colpiti dall’onda d’urto, e sono finiti in ospedale in gravi condizioni. Anche alcune auto parcheggiate sono state danneggiate. Due persone hanno riportato ferite lievi a Casalos e sono state trasferite all’ospedale Moscati di Aversa.

Napoli, una donna è stata colpita alla testa da schegge

È stato ferito tra 8 persone Napoli E la provincia dalle esplosioni avvenute di notte per festeggiare l’avvento del nuovo anno. Il numero di otto infortuni registrati quest’anno nella regione di Napoli, tre nel capoluogo e cinque nelle zone remote, rappresenta il numero più basso mai registrato. In effetti, 48 sono stati feriti nell’ultimo anno e nessuno dei feriti era a rischio di vita. Le persone ferite dall’esplosione dei fuochi d’artificio sono tutte anziane.

READ  Il governo di Conte Terre, l'ultima trattativa del premier: "dalla quarta grave responsabilità"

Tra gli otto feriti a capodanno, tra Napoli e provincia, c’è una donna colpita alla testa da una persona. Scheggia di metalloE non lo è proiettile Vagando com’era inizialmente, le schegge lasciate dai fuochi d’artificio sono esplose dopo mezzanotte. La donna era nella casa dell’anziana madre A. Mugnano (Napoli) Quando una scheggia le ha raggiunto il collo. Fu quasi una tragedia: la donna fu ricoverata a Cardarelli, non in pericolo di vita. Verrà eseguito nei prossimi giorni per estrarlo.

I raggi X mostrano che una scheggia conficcata nel naso è lunga 17 mm, ed è troppo grande per un proiettile: tuttavia, può avere conseguenze molto gravi se penetra in un’altra parte della testa. Secondo la ricostruzione della stazione di polizia locale, la donna è stata raggiunta da schegge mentre era in strada per depositare la spazzatura.

Ferito

Tra le segnalazioni raccolte di notte dalla Questura di Napoli c’era quella di un giovane di 30 anni di Camposano (Napoli) è stato colpito alla mano mentre raccoglieva petardi inesplosi per strada, circa 4 anni. Non è pericoloso ma verrà segnalato per violazione del coprifuoco.

Degli otto feriti registrati tra Napoli e provincia, sei sono stati curati e dimessi dall’ospedale. Solo una donna Mugnano E un uomo di 57 anni, al Vecchio Pellegrini di Napoli per una mano crollata.

L’inizio del nuovo anno è stato salutato con almeno quarantacinque minuti di fuochi d’artificio, nella capitale e nelle zone periferiche. Una festa con un barile di grandi dimensioni, in cui si sentivano esplodere molte bombe ad alta probabilità e si registrava un comportamento imprudente, come il lancio di batterie missilistiche per mezz’ora da un condominio Viali Coli AminiA Napoli, a pochi centimetri dai bidoni della spazzatura, con rischio di incendio.

Alla fine, però, il bilancio delle vittime indicava che prevaleva la volontà di festeggiare senza rischi inutili, con il diffuso ricorso a fuochi legali.

READ  "Ho pensato di ucciderli da agosto, quando vivevo con loro."

E a Roma e provincia 9 feriti

Ci sono 9 feriti in mezzo Roma E la contea ha fuochi d’artificio che sono esplosi di notte. Secondo quanto sanno le fonti della polizia, si tratta di ferite leggere con graffi, ustioni e contusioni. La più grave è stata una diagnosi di 15 giorni di “contusione bulbare”. Gli incidenti sono avvenuti nel centro di Roma, nella zona del Ponte Milvio, a Fiumicino, Marino, Frascati e Villetre.

Milan, gravemente ferito. Riprese tra gli albanesi

Fine del 2020 a Milano Nel milanese risulta avere il livello di scioperi e infortuni più basso rispetto alla media. Secondo i primi dati nel passaggio al 2021, molto meno è stato festeggiato con circa “la metà dei 118 interventi nel capodanno regolare”: gli unici due pericolosi episodi hanno coinvolto un uomo che ieri pomeriggio ha perso due dita armeggiando con i fuochi d’artificio, e due sono stati fucilati. E sono entrambi albanesi, nell’ambito di un episodio – secondo le prime indagini – di un delitto.

Secondo le prime informazioni raccolte da forze dell’ordine e vigili del fuoco, i barili hanno provocato un solo grave infortunio, a San Giuliano Milanese, ieri intorno alle 19, dove un uomo di 54 anni, a causa dello scoppio di un grosso petardo, ha subito l’amputazione di due dita (4 / o E 5 / o della mano destra) e un trauma all’addome, è finita ricoverata con la lama rossa all’ospedale Niguarda.

Tuttavia, intorno a mezzanotte, l’unico paziente era il giovane che, da circa due anni, a Milano, aveva subito una scossa alla mano destra per i fuochi d’artificio, ma non aveva bisogno di portarlo in ospedale. Un episodio a parte, l’episodio più pericoloso del capodanno ma attribuito dalle forze dell’ordine ad un episodio di delitto pubblico, relativo ad una sparatoria avvenuta intorno all’una di notte a Milano, in via Gigante, nella cosiddetta “Kasbah” di piazza Selinunte. Durante le riprese, con i contorni ancora in fase di disegno, è stato fucilato l’albanese. Hanno entrambi 39 anni: uno è stato colpito alla testa, portato in ospedale con il codice rosso ed in gravi condizioni in infermeria, e l’altro è stato colpito da un proiettile alla coscia, ed è stato trasferito in giallo all’ospedale Niguarda.

A completamento del bilancio di fine anno sono state presentate denunce alle forze dell’ordine per una “allerta a pagamento” nei confronti di persone sorprese a sparare con gli scacciacani e alcune sanzioni per violazione del Dpcm. Un incendio in un magazzino di Cassano Dada (Milano) ha dato il via libera a molte squadre antincendio a partire dalle 19.30 di ieri, ma senza alcun collegamento con i fuochi d’artificio.

READ  Coronavirus, le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su Covid-19- Corriere.it

Il Cagliari, 29 anni, ha perso la mano

Nonostante il divieto e il coprifuoco alla fine del 2020 a Cagliari Sono stati accolti parecchi fuochi d’artificio e barili. Il risultato sono due infortuni, un giovane, di 12 e 29 anni, che ha perso la mano destra. Il primo episodio è avvenuto poco prima delle 22:00 in Podgora Road a Es Mirones. La polizia è subito intervenuta di nuovo e il dodicenne ha cercato di riaccendere un grosso petardo che è esploso, ferendogli mano, viso e gamba. Immediatamente sono intervenuti i 118 medici, gli agenti della squadra aerea e gli artificieri.

Il ragazzo è stato portato all’ospedale Bratzu dove ha trovato ferite che potevano guarire entro 15 giorni. La polizia sta ora cercando di determinare se l ‘”esplosione” inesplosa sia stata una “esplosione” fatta a mano o se un “petardo” fosse illegale. Più pericoloso è stato l’episodio avvenuto poco dopo la mezzanotte in via Roma. Il 29enne avrebbe tentato di inventare un’esplosione altamente probabile, forse anche artigianale, che è esplosa. È stato portato d’urgenza all’ospedale Brotzu, ei medici, purtroppo, non sono riusciti a salvargli la mano destra: l’esplosione gli ha rimosso praticamente tutte le dita. Anche in questo caso sono in corso indagini da parte delle forze dell’ordine che hanno subito interferito con gli operativi della Squadra Mobile e degli Artificieri.

Butti, 229 interventi dei vigili del fuoco

Sono stati 229 stasera gli interventi dei vigili del fuoco riconducibili ai festeggiamenti del Capodanno, in forte calo rispetto allo scorso anno, quando erano stati 686, differenza legata alle misure restrittive adottate per fronteggiare l’epidemia di Covid-19. Il numero più alto è anche quest’anno nel Lazio 45 (l’anno scorso erano 171), Campania 40, Puglia 24, Veneto 19, Lombardia 18, Sicilia 17, Liguria 16.

video

Ultimo aggiornamento: 11:44


© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

Coronavirus, Alicia Marcosi è stata “leggermente positiva”

Come ogni martedì sera, Alessia Marcuzzi doveva essere allo studio Le Iene...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *