Editoriale Chiariello: “Il Bologna è stato il miglior avversario, rinviato il problema tattico”

Umberto Chiarrillo, Giornalista Canale 21Commentando la vittoria del Napoli a Bologna, nell’editoriale ‘Campania Sport’:La partita di questa sera è stata la migliore che potesse capitare a Napoli e Gattuso. Il Napoli ha perso la grande occasione con il Sassuolo, ha toccato i livelli più bassi nel primo tempo contro il Rijeka, ha perso due volte in casa contro due squadre non di altissimo livello, Arizona e Sassuolo; Ha mostrato grande difficoltà a riconquistare la partita, essendoci riuscito solo a Benevento e Fiume. Tutto questo potrebbe portare il Napoli a contemplare una crisi d’identità, una partita e un risultato. Il Bologna è diventato il fulcro della stagione, se non fosse stato per la vittoria, il Napoli avrebbe subito cambiato l’entità dei propri gol stagionali, che ora sono arrivati ​​in Champions senza parlare del gol in campionato. Le favorite sono Inter e Juventus, la squadra di Conte vince il colpo di testa e pareggia con l’Atalanta, la Juventus senza 3-0 in classifica oggi avrà 10 punti in classifica, sarà nona. Quindi il campionato cerca un nuovo allenatore che sappia trarre vantaggio da lui, in questo momento c’è il Milan davanti a lui, e la Roma Fonseca cresce e trova il posto giusto, la Lazio è sempre la squadra degli ultimi anni e l’Atalanta oggi si è ritrovata. Perché il Napoli non dovrebbe diventare il nuovo allenatore? Come si diceva prima, oggi il Bologna è stato il miglior avversario possibile, perché è Mihajlovic che non mette nessun allenatore sotto porta, ama giocare le partite. Se si affrontasse il Napoli in campo aperto, è uscito con un osso rotto, per un’ora e un passaggio, gli Azzurri hanno dominato la partita e se vincessero 3-0 non ci sarebbe niente da dire. C’era anche un gol giustamente annullato a Coulibaly, ma il Napoli sbaglia più volte la doppietta con Insigne e Mertens. Questa partita non ci dirà se Gattuso ha trovato il posto giusto, proprio perché è stata una partita giocata in un campo aperto dove il Napoli è in rovina. Hai visto Lozano quanto è un giocatore oggi? Altro che una versione con fossette di Vargas. Hai visto il movimento dal cuore dell’attacco all’obiettivo di Oseimhn? Quindi questa partita, che non prende niente e niente lo mette, non fa che confermare che il Napoli è forte, ma bisogna capire se sapranno velocizzare la manovra e avvicinare Mertens alla porta. 4-2-3-1 Persuadono fino a un certo punto, perché o Mertens fa la vera seconda punta e non si stanca nei 33 anni e mezzo da trequartista, oppure si può trovare una soluzione, magari giocando all’albero di Natale con il belga e Insigne dietro Osimhen. Se Gattuso vuole restare con questo modulo, deve trovare soluzioni contro quelle squadre che mettono l’autobus sotto porta, che giocano troppo bassi e ti permettono di giocare. Se Gattuso, che finora ha fatto le sue osservazioni da vero uomo, comincia a soffrire di dolori di stomaco per le critiche, allora si sbaglia, perché i servi sciocchi non servono a nessuno, pensa a quello che hanno fatto a Maradona. A volte un complimento è il peggiore di tutti i mali e la critica viene usata per affrontarti e aprire gli occhi. Gattuso, bisogna saper distinguere chi è volitivo e chi crede che una sana e anche una dura critica possa solo aiutarti a portare questo Napoli a traguardi inimmaginabili in questo momento, ma alla fine non si dicono“.

READ  Positivo il COVID-19 per il Napoli in fuga alla Lazio: prime lamentele

Written By
More from Arzu

“In Italia, la morte di un uomo insignificante è più che violenza sulle donne”.

Laura Bossini Marea la morte A partire dal Diego Armando Maradona. Il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *