Governo, la prima lite è lo sci. League Against Hope: “Ordine irrispettoso”

La Lega è sotto pressione su Mario Draghi per compensare subito l’industria dello sci invernale che è stata devastata per tutta la stagione dal blocco (il disco verde è scivolato quattro volte) e ha deriso la decisione dell’ultimo minuto del ministro della Salute Speranza, che ha ordinato gli impianti da tenere nuovamente chiuso poche ore dopo la riapertura. Una mossa che ha causato i primi guai politici al nuovo premier e ha fatto arrabbiare il partito di Matteo Salvini, pronto a commuovere Massimo Garavaglia.

Pattino che gira contro la chiusura. “Dieci miliardi di danni.” Garavaglia: Colpa del governo

“Il danno agli operatori della montagna dovuto alla mancata apertura va risarcito al più presto, già nel prossimo decreto” ha scioccato il nuovo ministro del Turismo che ha accusato il ministro Speranza di aver deciso tutto lui stesso (“questo è assurdo”), senza informare chiunque di una “questione irrispettosa”. Si ferma dopo poche ore al semaforo programmato, mandando in su 10 miliardi e mettendo in ginocchio un’intera striscia. Il ministro Esperanza ha risposto che la salute viene prima di tutto, respingendo le accuse del mittente, aumentando la tensione nell’esecutivo.

File IT
In effetti, il dossier sul pattinaggio era già una priorità assoluta nel programma History Queenkes sviluppato dal Ministero delle Finanze. Ma questa pratica sta ora accelerando. La Lega, sostenuta soprattutto da Italia Viva, punta a una rapida soluzione – si sta calcolando un potenziale pacchetto di risarcimento da 4 miliardi di euro, pari a circa l’80% delle perdite accusate dal settore – ma probabilmente ci vorranno ancora qualche giorno per aspetta in Attendi. Il nuovo governo raccoglierà fiducia solo a metà settimana e soprattutto, secondo i candidati dei circoli maggioritari, i ciclisti vogliono il pacchetto sci (il risarcimento non sarà limitato solo agli impianti di risalita e alle attività di ingegneria di fabbrica, ma anche agli albergatori , operatori, ristoranti e sci di tutta Italia) parte integrante (Non fuori borsa) in relazione al decreto.

READ  Eriksen per Paredes, l'Inter parla al Paris Saint-Germain | prima pagina

Certamente, usando le parole di Garavaglia “La stagione è chiaramente finita: pensare di andare in campo dopo il 5 marzo senza certezze oggettive non ha senso”.

Non solo: l’università si aspetta un rapido iter del decreto, per evitare di non obbligare i beneficiari ad attendere i 60 giorni necessari (completi di emendamenti parlamentari) per la conversione in legge. La scheda sci, ovviamente, sarà coordinata con altri punti di ristoro. Per finanziare il decreto, il governo ha a disposizione 37 miliardi. Ai 32 miliardi di disavanzi aggiuntivi, secondo lo schema varato dal governo precedente, si dovrebbero aggiungere circa 5 miliardi dal Decreto 4. La misura dovrebbe prevedere l’adeguamento delle perdite per il 2020 e il superamento dei codici Ateco con un nuovo sistema di compensazione basato sulle perdite effettive di entrate per tutto il 2020.

Soglia
Una delle incognite che devono essere risolte è capire se la soglia di perdita del 33% sarà confermata o aggiustata e se il calcolo della perdita si riferirà a tutto il 2020 o solo a un semestre. Va inoltre prestata assistenza ai professionisti e ai lavoratori autonomi, come nelle intenzioni del governo Conte bis. Musei, cinema, teatri, ristoranti, bar, centri commerciali, hotel e palestre sono tra i settori più colpiti dall’epidemia che meritano un ristoro. Che si estenderà anche alle attività di filiera, slegate dagli interventi attuati nel corso dell’anno 2020. Il fascicolo di lavoro è completo. L’ex ministro, Nunzia Catalvo, aveva previsto un pacchetto di circa 10 miliardi, di cui un miliardo e mezzo per la dote dell’anno bianco per i lavoratori autonomi, e un altro miliardo per il reddito d’emergenza e la cittadinanza.

READ  USA 2020, Biden vince un duello a distanza con Trump

Ultimo aggiornamento: 01:33


© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

Dual di Immobile e Parolo. Gli ottavi di finale sono a un passo

Una serata magica. Per una vittoria meritata, senza dubbio. E questo porta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *