Kalulu, un gol e due errori. Jeju, super parata. La Calabria è stata confermata

Queste le pagelle del Genoa Milan:

Donnarumma 7: Dimostrare il tiro saltellante impedisce al Milan di arrendersi per la terza volta. È stato simpatico anche nel ruolo di Shomorodov, mentre le distribuzioni dei miei vincitori non hanno resistito.

Calabria 6,5: eguaglia il primo gol di Destro con un tiro sorprendente, violento e preciso. Riprova nella gara finale, ma il punteggio è sbucciato. Tempo scaduto sul primo Genoa del movimento disumano Calolo.

Calolo 6: Segna un gol in riabilitazione dopo due errori importanti nei due gol di Destro, ma in un momento del genere è meglio guardare al positivo che al negativo che è anche presente. Perché su entrambe le reti del Genoa e delle sue reti ci sono i suoi errori, single e coniugi.

Romanioli 6: Nel primo gol del Genoa è in competizione con Kalolo, anche se Shomorodov è la sua squadra. Il suo giovane compagno di squadra deve farsi carico di aggiudicarsi il 6 con l’aiuto di Kalolo, da cui è nato il pareggio del Milan.

Dalot 5,5: Non è Theo Hernandez, ma contro una squadra chiusa come il Genoa non si può piantare in campo.

Kessie 6: Con Tonali a dettare il ritmo della gara in mezzo al campo. Sempre tra gli ultimi a scendere nella salita finale. Funziona anche nella difesa delle palle inattive.

Tonali 6: Il primo tempo di contenuti è di Sandro, che oltre a gestire forme geometriche a centro campo, si butta anche negli spazi e dirige ottimo aiuto che Goldaniga non manda a Rebic. (Dal 77 ‘Diaz 6,5: entra in rosa argento e rompe le linee del mediatore del Genoa con la sua falsa posizione che non concede punti di riferimento agli avversari. Decisamente meglio di domenica contro il Parma).

READ  Bollettino Coronavirus in Italia: morto, infettato e guarito, 2 dicembre. AssoCareNews.it

Castelljo 6: E ‘sicuramente il milanese più ardito del primo tempo, come sottolinea Pellegrini e lo mette in difficoltà guardando il giallo che è più pesante sulla testa dell’esterno ligure. È tra i sacrificati sull’altare dell’ennesima rimonta da fare (dal 53 ‘Hauge 5,5: non si rende conto dell’unica cosa giusta che fa Leao, che è il potenziale aiuto 2-2. Difficile trovarne uno contro pulito).

Calehanoglu 6: Non è al massimo e ovviamente è sempre un punto focale dell’attacco rossonero. Trova il gol su punizione e regala fiducia a Calabria con quel tocco che mette il terzino in condizione di tirare verso la porta di Perrin.

Leao 5: limiti fastidiosi per gran parte del gioco. Si sveglia un po ‘all’ultimo impatto mentre mette Hauge alla porta, ma la domanda è: dov’è la bruttezza competitiva?

Rebic 5,5: Perin lo priva del gol dopo una grande giocata di carattere che avrebbe potuto spezzare la partita, ma è la partita più importante in cui ha avuto grosse difficoltà ad occupare il cono centrale, alla ricerca di respiro nella corsia sinistra. (Dal 54 ‘Saelemaekers 6: porta freschezza sportiva sulla corsia di destra e abbassa il Genoa da quella parte).

Tutto Bioli 6: Milan stasera manovra ariosa ma fumo quando c’è un calcio in porta. Maran chiude le battute, ma il Milan è una squadra nello spirito e sta ancora riprendendo da un doppio difetto. Abbiamo bisogno del mercato di gennaio per apportare ulteriori modifiche a questa formazione.

Written By
More from Arzu

Accoltellato a morte il dottor Stefano Ansaldi – Corriere.it

Taglio profondo della gola e assassino. Sabato 19 dicembre alle 18.30, Dr...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *