La Toscana resta arancione, e manca il via libera da Roma – Cronaca

Eugenio Gianni (foto Atalme)

Firenze, 11 dicembre 2020 – Una giornata piena di respiro attende le novità dalla Roma, e le notizie in giallo. Perché c’era ottimismo – forse più vanaglorioso che reale – sul miglioramento dei dati Covid in Toscana, perché il presidente Eugenio Gianni si è detto fiducioso. Infatti, il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà, prima della mezzanotte, sulla base dei dati della sala di controllo riunitasi oggi, un nuovo decreto con cui verrà disposta la zona gialla per le regioni Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte. Il decreto sarà in vigore dal 13 dicembre. Quindi la Toscana deve restare arancia. E il rapporto appena aggiornato indica una presa in giro L’indice di infezione della Rt Toscana è molto inferiore a 1 (0,81).

E allora sarà arancione per almeno altri dieci giorni. Ci siamo avvicinati compleannoMa molto presto, quando inizieranno le restrizioni in vigore per le vacanze di Natale. .

La newsletter di COVID TUSCANY è datata 11 dicembre

L’impatto sui conti della Toscana sarà il superamento della soglia di occupazione del 30% dei posti letto in terapia intensiva, ma anche una diminuzione del numero di tamponi soprattutto negli ultimi giorni. Non che manchi, infatti: rimane gratuito per più della metà dei posti disponibili.

Pertanto, nei prossimi giorni sarà possibile spostarsi solo all’interno dei confini del vostro comune e solo bar e ristoranti saranno aperti per le ordinazioni d’asporto. La situazione che fa infuriare le modelle, ormai sfinite.

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *