Obama shock a Philadelphia in coda al voto – Corriere.it

L’ufficio elettorale della città di Filadelfia apre alle 11:30 ogni mattina. Ma alle 10 venticinque persone sono già in fila davanti all’imponente municipio. Ci sono molti giovani, come quattro laureandi del primo anno in biologia. Loro, le ragazze e i ragazzi di Filadelfia e della Pennsylvania, i principali interlocutori di Barack Obama, È atterrato ieri sera, mercoledì 20 ottobre, nella città della Dichiarazione di Indipendenza e della Costituzione. Ho dato l’ex Shock per la campagna di Joe Biden e un po ‘di coraggio per gli elettori democraticiCon un duro attacco, personale e politico, a Donald Trump: guarda come ha gestito l’epidemia, non è stato nemmeno in grado di proteggersi.

Qualche giorno fa, nelle e-mail che il Comitato nazionale del partito ha inviato ai militanti, c’erano brividi viziosi: sAbbiamo la funzione, ma stiamo attenti a non finire come il 2016. E se i disordini sono evidenti anche a Filadelfia, Significa una cosa seRIAA, un’incognita politica deve essere presa in considerazione. Philly è uno dei poli più liberali d’America. Le elezioni sono di solito una formalità e portano a un referendum democratico, sia che si tratti di eleggere il sindaco, il 62enne Jim Kenny, o il governatore dello stato (Tom Wolf, 71). Anche Hillary, quattro anni fa, è passata senza problemi: 82,2%, ma tre punti dietro Barack Obama nel 2012.

Due settimane prima delle elezioni, repubblicani e democratici stanno discutendo freneticamente programmi e aspettative. E sono d’accordo con almeno una cosa: il Philadelphia Score non potrà mai, come in questo caso, decidere chi assegnerà i venti delegati alla Pennsylvania. A sua volta, la Pennsylvania può decidere chi vincerà le elezioni presidenziali del 3 novembre. Per questo i circa 800mila elettori di Filadelfia (su un milione e mezzo di residenti) sono tra i più numerosi dell’intero Paese.

READ  Covid e palestre, "sempre maschere". Le piscine sono buone. Contratto Spadafora

Obama chiama la democrazia Filadelfia alla mobilitazione pubblica: abbiamo bisogno di una vittoria che non lasci dubbi. Ancora una volta: questa è l’elezione più importante della nostra vita. Ciò che accadrà nei prossimi giorni influenzerà la nostra esistenza per decenni. Organizzati, prepara un piano e coinvolgi i tuoi amici. L’appello diretto in primis per le nuove generazioni. E non solo perché Barak da anni dedica la sua fondazione ai futuri leader. Qui c’è un bisogno politico più pressante: se i Democratici vogliono vincere, devono diffondere pienamente l’ampia coalizione che l’accordo ha creato tra moderati e radicali. Obama ha aperto la strada ieri e sabato 24 arriverà in Pennsylvania Bernie Sanders, finora è rimasto un po ‘in disparte. Il movimento e l’entusiasmo che Bernie ha suscitato sarebbero stati essenziali anche a Filadelfia.

Buster? Hardy von Auenmueller è il primo in fila davanti al municipio. A 83 anni era presidente della German American Society of Philadelphia. Arriva presto per depositare la sua carta per Biden. Ma ci sciocca quando dice: Non aspettare il 3 novembre, sono pronto a lasciare la città, vado in campagna, nel Massachusetts. Hardy è quasi certo che ci saranno disordini dopo la chiusura delle urne. cosa succederebbe? Il meccanismo elettorale si presta a controversie senza fine. E non solo von Weinmueller, ma anche il sindaco Kenny e il governatore Wolf si aspettano che gli avvocati di Trump battano i tribunali in caso di sconfitta o se il risultato è in bilico.

Anche Frank Giordano, 70 anni, uno dei principali conservatori concorda: Se perdessimo, non ci sarebbe alcun tipo di caos in città. I repubblicani non organizzano manifestazioni, se è appannaggio dei democratici. Quattro anni fa, siamo andati a trovarlo nel club di cui era presidente, la Union League, fondata nel 1862 per sostenere la serie anti-schiavitù di Abraham Lincoln. Nel 2016 Giordano era frustrato: la Pennsylvania era dominata da una spina dorsale democratica a forma di T che si estendeva da Filadelfia a Pittsburgh. Non abbiamo speranza. Adesso però è decisamente ottimista: questa volta vinceremo lo Stato. E avremo un contributo importante da questa città. L’idea del sindaco di rimuovere la statua di Colombo fece arrabbiare la comunità italo-americana. In periferia, la gente chiede “legge e ordine”. Hanno tutti paura della campagna della sinistra per prendere soldi dalla polizia. Non si fidano di Biden. Voteranno per Carta di Trump E la Pennsylvania per te.

21 ottobre 2020 (modifica al 22 ottobre 2020 | 01:27)

© Riproduzione riservata

Written By
More from Arzu

Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo su Covid- Corriere.it

12.15 – Mayo: “Dpcm sarà più restrittivo” Sono sicuramente ore di pensiero...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *