Un vertice in corso tra governo, regioni e comuni. Lombardia, Piemonte e Liguria hanno imposto restrizioni di viaggio di oltre 70 anni

Nuovo in fase di implementazione vertice Tra i miei rappresentanti Regioni, A partire dal Reciproco Basato su GovernatoratoAlla presenza dei Ministri della Salute, Roberto SperanzaE affari regionali, Francesco Boccia, Discutere Nuove misure Che il governo dovrà adottare per cercare di arginare l’aumento dei contagi Corona virus In Italia, che in poche settimane ha registrato un preoccupante aumento. Dalle recenti indiscrezioni è emerso che tra i provvedimenti allo studio ce n’è anche uno Restrizione alla circolazione delle persone con più di 70 anniÈ una delle ipotesi che alcune regioni presentano in particolare, secondo quanto si è appreso. LombardiaE il Piemonte e Liguria.

Al tavolo dei partecipanti all’incontro, la situazione epidemiologica e sanitaria del Paese quel ministro Esperanza, in un’intervista a CorriereNon ha esitato a specificarlo “terrificante”: “La curva epidemiologica è ancora molto alta. Quello che mi preoccupa è il numero assoluto che mostra una curva terrificante. O la pieghiamo o ci troviamo in un problema. Ce l’abbiamo.” 48 ore per provare a premerlo di nuovo“Il leader ha detto Leo.

Ciò che preoccupa il funzionario del governo è che sia ancora lì ‘Troppa gente’ e “Negli ospedali è molto affollato. La situazione in Italia è ancora molto difficile ”. Più cauti, per ora, nel valutare la situazione in Terapie intense Questo “non è il problema principale di questi tempi. Per alcune settimane sarà sotto controllo”.

Ma l’improvviso innalzamento della curva di contagio mette in pericolo anche alcune attività ritenute essenziali e sulle quali il governo non aveva intenzione di imporre ulteriori restrizioni, come Scuola: “La curva sta attraversando un così rapido rialzo che rischia di tramontare L’insegnamento viene discusso faccia a faccia – nota Esperanza – L’idea del governo è sempre stata quella di non toccare le scuole. Vogliamo difenderlo il più possibile, ma purtroppo dobbiamo farlo nel contesto di una pandemia. La scuola non è intangibileLa premessa è quella di abbandonare le aree con la possibilità di sospendere le classi esistenti anche per le scuole elementari e medie come già facevano Campania e Puglia: “Non è un caso che non abbiamo contestato i decreti”.

Ma in tal caso, il titolare del centro sanitario non può ignorare la questione “per scontata”. Chiusura dei confini tra le regioniPurtroppo: “Servono anche forti interventi in LombardiaÈ una delle aree del paese che si trova nel peggiore dei casi. Sulla base dei dati del Comitato Tecnico Scientifico, ci sediamo con il presidente Attilio Fontana e il sindaco di Milano Giuseppe Sala E valutiamo le decisioni che verranno prese ”. Quanto al problema Trasporto pubblicoSperanza non esclude che “nelle zone più difficili si è deciso di fare un passo indietro rispetto all’80% della capacità”. In questo senso, il Piemonte È già stato spinto in avanti, poiché il limite di capacità sarà fissato al 50% a partire da domani.

READ  "L'andata con i bianconeri al San Paolo avrebbe potuto essere ribaltata. Il Napoli avrebbe potuto vincere l'appello se ..."

Ma al tavolo del governo ci sono anche altri interventi mirati, a livello provinciale, nelle regioni più colpite dalla seconda ondata di Coronavirus, soprattutto in tutte quelle regioni che Indice di infezione Rt Toccare o sorpassare Soglia 1.5. Nel nuovo Dpcm, che potrebbe essere firmato già da lunedì, oltre alle limitazioni agli spostamenti tra le regioni, a Riduzione dell’orario di lavoro in negozio Con una serratura obbligatoria Entro 18, Il I centri commerciali chiudono nei fine settimana, Il Apprendimento a distanza esteso al 100%, In alcune zone anche in Terza media. Esistono sicuramente aree controllate Lombardia E il PiemonteMa forse c’è anche Liguria, PerUmbria, Il Puglia, Il Calabria, Il Sicilia E il Campania.

Totti: “Nessuna nuova chiusura, limiti per gli anziani”. Ponaccini: “Bologna non chiude”
C’è un conflitto di opinioni tra i conservatori e tra loro e il governo. A far sentire la sua voce in particolare il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Totti, Chi lo scrive in una nota sui social media “Il paese non può permettersi un nuovo blocco”.Suggerisce invece di intervenire tra i più vulnerabili, gli anziani. “Proteggendo i nostri anziani in modo più realistico, la pressione sugli ospedali e il numero dei decessi si ridurranno indefinitamente. Sarebbe una follia chiudere i tanti italiani per i quali Covid ha risultati moderati, bloccare la produzione del Paese, interrompere la scuola e il futuro dei nostri giovani e non pensare a nessun intervento”. Con coloro che stanno davvero correndo dei rischi, spero che questa volta ci sia saggezza e non Demagogia“lui sta scrivendo.

Per Totti, questo è l’argomento che “nessuno sembra voler affrontare e che può essere cruciale. La maggior parte dei pazienti pericolosi nei nostri ospedali e purtroppo anche delle morti che piangiamo ogni giorno sono persone di età superiore ai 75 anni. Per quanto ogni vittima ci addolori, non possiamo ignorarlo. Verità. Solo ieri su 25 morti in Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Questi sono i pensionati. Fortunatamente non sono necessari per gli sforzi produttivi del Paese ma essendo più fragili vanno tutelati in ogni modo ”.

READ  Abruzzo, il governatore Marcelio mette in rosso la contrada. Le scuole rimangono aperte

Presidente della Lombardia, Attilio Fontana, Invece di quello “La diffusione del virus è uniforme in tutto il paese. Le differenze riguardano l’intervallo di tracciamento, che varia da regione a regione. Ecco perché chiede che “una volta verificato l’effetto delle misure già adottate sulle curve di infezione, Ulteriori azioni di esecuzione Per il virus saranno a loro volta abbigliamento ufficiale. Una serie di interventi sul territorio dopo l’altro, frammentati ed eterogenei, possono risultare inefficaci e persino incomprensibili per i cittadini, già oggi disorientati “. Afferma che” questo è il senso della discussione di questa mattina tra le regioni Angi e Obi con il governo “.

Anche il governatore Emily, Stefano Bonacini, In un’intervista con Corriere Da Bologna, più potenzialità Restrizioni a Bologna: “Rispetto al governo e al Comitato tecnico scientifico, la regione metropolitana di Bologna non ha ancora tenuto conto di chiusure così rigide. In generale, questo non significa che non sia necessario essere vigili e pronti per le opzioni necessarie”. Bonacini ricorda come, nell’ultimo aggiornamento settimanale, “l’Istituto Superiore di Sanità ci colloca tra le regioni A. Un rischio abbastanza ragionevoleAl momento “Siamo intervenuti solo in una provincia Piacenza, D’intesa con i sindaci, per evitare un aumento dei flussi dalla vicina Lombardia, poiché i centri commerciali sono già stati chiusi. Nei prossimi giorni valuteremo l’impatto delle misure restrittive adottate nell’ultimo Dpcm del governo e in base alla direzione dell’infortunio faremo quanto richiesto, come è avvenuto in passato, quando saremo in Emilia-Romagna Abbiamo adottato misure massicce a livello nazionale “. Infine, il governatore ribadisce il suo desiderio di mantenere le scuole aperte:” Abbiamo investito nello spazio e rafforzato il trasporto pubblico locale come qualsiasi altra regione. Ho lottato per riaprire le scuole e la loro chiusura dovrebbe essere una delle ultime misure da prendere. Pensaci. “

Memoriale al coronavirus

Supporto di Ilfattoquotidiano.it: impareggiabile in questo momento
Abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e tanto altro. Tutto questo lavoro ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, fornisce entrate limitate. Non in linea con il boom di portata. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo pari al prezzo di un cappuccino a settimana, fondamentale per la nostra attività.
Sii un utente di supporto Clicca qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi della nostra capacità di offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma l’annuncio, in un momento in cui l’economia è in recessione, fornisce rendimenti limitati. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con il contributo più basso pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola quantità, ma essenziale per la nostra attività. Aiutaci!
Sii un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, Toti: “Un’epidemia emotiva. Non chiudiamo Genova”. De Magistris: “Preoccupato per contagio e tensioni sociali”

successivo


Articolo successivo

Status del tweet di Totti: “Gli anziani più vulnerabili non sono essenziali per gli sforzi produttivi del Paese”. Poi la correzione: “Il messaggio è frainteso”.

successivo


Written By
More from Arzu

Nuovo DPCM in arrivo, Regioni a rischio

Data di pubblicazione: 01/11/2020 23:33 Il Nuovo Dpcm È quasi pronto. Le...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *