Una nuova legge in Lombardia: smettere di bere alcolici e mangiare all’aperto dalle 18:00, e ristoranti chiusi alle 12:00.

Dopo la chiusura è già in atto Campania Per scuole e ristoranti, anche presso Lombardia Vara nuovo decreto con regole più restrittive per contenere la diffusione Covid-19. Il primo punto riguarda gli edifici: a partire dalle 18, nastro I ristoranti possono rimanere aperti solo con Servizio al tavolo, Mentre la chiusura è fissata precisamente a 24. Vietato Consumo di alcol e cibo su terreni pubblici dalle 18 tutti 6 (Compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico), dove ciò è vietato Elimina le bevande alcoliche Inizia allo stesso tempo. Dalle 18 alle 6 del mattino anche chiuso Distributori automatici “H24” Che distribuisce bevande e cibi preconfezionati fronte strada, provvedimento che non si applica ai distributori automatici di latte e acqua.

In giudizio, è in vigore Dal 17 ottobre al 6 novembre, Il Vicino Sale giochi, sale scommesse e Vendi bingo., Inoltre Slot machine Si trova “all’interno di istituzioni pubbliche, imprese e monopoli di rivendita”. Nel campo della Scuola La novità è che gli istituti professionali e Superiore Dovranno organizzare attività educative con Le modalità remote si alternano alle attività esistentiFatta eccezione per le attività di laboratorio. ” Consiglia anche Il Pirellone Università Essere conforme Indipendenza specifica, Organizzare le proprie attività al fine di promuovere il più possibile l’apprendimento a distanza.

Per quanto riguarda spettacoli ed eventi aperti al pubblico, la capienza è massima Uno spettatore all’aria aperta E 200 per eventi sportivi al coperto. Non ci sono novità in merito Palestre, Che resta aperta fintanto che tutte le norme applicabili in materia di distanza e pulizia degli ambienti sono già rispettate, mentre le competizioni sportive sono sospese Passatempo Che include ‘Contatto fisico’ (Determinato dalla sentenza del Ministro dello sport del 13 ottobre 2020) incl Esercizi A livello regionale e locale (“entrambi competitivi”). Il punto finale del decreto riguarda Rsa. “Accesso a Strutture Da unità di fornitura residenziale Rete regionale Da parte di familiari / badanti e conoscenti degli utenti presenti è vietato, salvo autorizzazione del direttore medico o prima Per quanto riguarda COVID-19 Per la struttura stessa, come le situazioni di fine vita e comunque dopo la scoperta Temperatura corporea Quando si entra, prendere tutte le misure necessarie per prevenire l’infezione. “

READ  Coronavirus nel mondo: 6.638 casi in Germania, non tanto

Il via libera all’azione è arrivato alla fine di una riunione Comitato tecnico scientifico regionale. Al mattino è stato il governatore ad anticiparne i contenuti al termine di un incontro con Sindaci dei Comuni lombardi I leader del gruppo del partito in consiglio regionale, tuttavia, hanno chiarito che non sarebbero “misure”. drammaticoHa detto anche Fontana.Meno ansioso“Rispetto a marzo” perché ora ne abbiamo uno Più conoscenza Quello che sta succedendo, abbiamo risposte migliori dal punto di vista medico e sappiamo di più su questo virus. “Anche se le infezioni continuano, e le cifre sono alla portata, aumentano rapidamente nella regione. I nuovi positivi sono 2.419 con 30.587 striscio Implementato, la percentuale è passata dal 6,3% di ieri al 7,9%. Più della metà dei nuovi casi sono A. MilanoMentre il numero dei nuovi contagi è arrivato a 1319, di cui 604 a Milano, mentre è arrivato a 1053. Ieri sono 7 i nuovi morti, per un totale di 17.044 morti nella regione dall’inizio dell’epidemia.

Memoriale al coronavirus

Supporto di Ilfattoquotidiano.it: impareggiabile in questo momento
Abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e tanto altro. Tutto questo lavoro ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, fornisce entrate limitate. Non in linea con il boom di portata. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo pari al prezzo di un cappuccino a settimana, fondamentale per la nostra attività.
Sii un utente di supporto Clicca qui.

Grazie mille
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi della nostra capacità di offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma l’annuncio, in un momento in cui l’economia è in recessione, fornisce rendimenti limitati. Non in linea con il boom di accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con il contributo più basso pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola quantità, ma essenziale per la nostra attività. Aiutaci!
Sii un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

La prima clinica di Umberto a Roma sotto pressione: “Troppi pazienti Covid, i letti non bastano”. Il cancelliere Damato è pronto per la nuova pressione

successiva


Written By
More from Arzu

Covid Perrin alza la voce: “Non siamo superficiali”

Mattia Beren È stato uno dei primi giocatori a raggiungere i risultati...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *